Post

PANAMA BEACH, Il patio fronte mare

Immagine
  Il signor Massimo, già proprietario della storico ristorante la Comacina di Comacchio (FE), ha recentemente rilevato il Panama beach, bagno con ristorante sul litorale di Porto Garibaldi in via dei Mille,30 - tel.0533/326226, info@panamabeach.it Fronte spiaggia, accarezzati da una costante brezza per la conformazione a curva del patio elegantemente arredato, si possono gustare vere prelibatezze di mare, sapientemente curate dalla capace mano della moglie del proprietario che dirige la cucina. Elencare i ricercati piatti in menu, come le tartare di tonno o di pescato fresco, sarebbe esercizio difficile, ma se opterete anche semplicemente per un fritto classico dell'Adriatico con paranza o una grigliata mista dimenticatevi le tristi composizioni di pesce surgelato propinate altrove.  Qui, prodotti eccellenti per qualità del pescato e cottura della cucina, con una cantina ben curata e dessert assolutamente da provare. Di sera, con le luci che conducono al mare, l'atmosfera è in

ANTICA MACELLERIA CECCHINI, UN MACELLAIO DAL "NASO ALLA CODA"

Immagine
OVVERO, QUANDO KURZ CHIUDE LE FRONTIERE DEL BRENNERO CON L'ITALIA PER COVID 19 Dal dispiacere decidiamo allora di pranzare fra le dolci colline del Chianti classico, nell'officina del leggendario Macellaio "ETICO" Dario Cecchini  https://www.dariocecchini.com/  , 8 generazioni di artigiani al servizio del nutrimento, del convivio, della filosofia del Gran Ducato e del buon vivere.  Così, fra silenzi, natura, vigneti, ulivi e mille altre suggestioni ci godiamo antichi piatti (e' un posto anche per VEGETARIANI che non vogliono perdersi il piacere del desco alla toscana...) dai sapori squisiti, in un clima ottimale. L'accoglienza è un buon bicchiere di vino col sorriso, una breve visita alla macelleria fra ricordi, prodotti, ferri del mestiere e dediche per poi salire all'Officina della bistecca ad affrontare il sontuoso menu sconsigliato agli inappetenti. Angiolo (il fu idraulico) è un cordialissimo e generoso anfitrione, Enrico alla grig

REDITRIGLIE, street sea food

Immagine
In via Matteotti, 18/20 a Porto Garibaldi FE, (tel.0533/309665 - M. 3385459645) proprio di fronte al molo dove ormeggiano i pescherecci, si trova un nuovo piccolo ristorante di pesce reso grande dall'eccellenza di ciò che vi potrete gustare grazie allo chef Leonardo Darelli. Per un pranzo veloce si possono scegliere i deliziosi fishburger di pesce azzurro, ma se deciderete di optare per lo slow food il menu offre piatti del giorno come le 'lasagnette di salmone con alici di lampara e zucca' o 'fagottini ricotta e cime di rapa con sugo di gamberi'. Un pescato freschissimo, per tutte le tasche, direttamente dal mare ai vostri piatti, dove la fantasia dello chef saprà stupirvi con vere e proprie opere d'arte culinaria. M.M.

AI DUE PLATANI, gran gusto emiliano

Immagine
Pluripremiata e frequentatissima trattoria di campagna alle porte di Parma, AI DUE PLATANI, hanno trovato una formula vincente di ristorazione fatta di gentilezza, accoglienza, eccellente materia prima e prezzi azzeccati. Parte dello staff vanta una lunga esperienza precedente in ristoranti con la R maiuscola. Il menu è un omaggio, a tratti sapientemente rivisitato, alle delizie regional-nazionali senza escludere qualche portata dedicata anche al mare. Ma la partita si gioca con gli ottimi salumi (qui non si scherza) e straordinarie paste tirate a mano, come da tradizione, che vengono fatte passare in rassegna ai commensali e chiuse (se ripiene) al momento della comanda. Il risultato è fatto di gusto, fragranza, delicatezza. Allora, dopo un mix di salumi tipici accompagnati da cipolline borrettane in agrodolce e parmigiano a scaglie...fenomenali tortelli alle erbette o alla zucca...tagliatelle ai porcini freschi in stagione e ottimo il coniglio grigio di carmagnola con la millefo

LA CAVE DE COGNE, molto più di un'Enoteca

Immagine
Cogne è una bomboniera immersa nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, in Valle d'Aosta. A dispetto dell'ingresso, carino ma un po' troppo discreto, sulla passeggiata della via principale, se varcate la porta scoprirete un tesoretto fatto di leccornie (spesso rare o assolutamente regionali), location e accoglienza. L'enoteca (fornitissima) ha preso spazio diventando un vero e proprio Ristorante che propone piatti gustosi di tradizione o creativi, a tratti eccellenti, basati su una materia prima ricercata e di prim'ordine. Il personale di sala è preparato nel sapervi indirizzare e spiegare quegli alimenti rari provenienti da alpeggi o altre filiere, così allo stesso modo se indecisi sui vini. Fra assiette di salumi pregiati e girandole di formaggi squisiti accompagnati da confetture particolari, trovano posto zuppe, tagliatelle di grano saraceno al ragu di cervo e porcini, gnocchetti all'ortica su fonduta di bleu e cipolla caramellata, crespelle o ricchissim

RISTORANTE FIORFIORE, nel cuore verde dell'Umbria

Immagine
Lo scenario è fra i più suggestivi e "italiani" che si possano immaginare. Il comprensorio che ospita questa eccellente struttura multiservizi e multiattività è quello collinare che circonda la stupenda cittadina di Todi, nella valle del grande Tevere. Con questi presupposti non si resterà certo delusi dalla equilibrata e studiata cucina di Chef Grimaldi che riesce sapientemente  a coniugare: selezione di prodotti tipici zonali (allevati o prodotti in azienda), tradizione, ed evoluzione dei gusti. Con tecniche di cottura attuali e ricerca dei sapori mai invasivi e mai troppo alleggeriti ma piuttosto ben individuabili, oltrechè dalla riuscita estetica. Fra le ottime creazioni della cucina spiccano il maialino, i bocconcini di agnello al tartufo e una gustosa pasta tipica con ragu bianco di maiale e friggitelli, concludendo con alcuni dessert veramente fini, dalla estetica stellata. Carta bevande strutturata e ben articolata, che permette di testare anche i prof

BARETTO di SAN VIGILIO e BERGAMO ALTA

Immagine
Bergamo alta è una città sorprendente. Bellissima, ricca di locali uno più bello dell'altro, vivace, inaspettatamente coronata da numerosi capolavori architettonici, suggestivi borghi e calata in un comprensorio che pare a volte Toscana, a volte Umbria, a volte macchia mediterranea Ligure. Con queste premesse, ci si può aspettare anche una interessante offerta enogastronomica che spazia tra la tradizione e l'innovazione proposta dalle nuove generazioni della "città dei mille"...(così altrimenti detta in rif. ai volontari bergamaschi della spedizione Garibaldina..)                                             gazpacho con ricotta aromatizzata al basilico Questo Ristorante dal bell'arredamento "caldo" nell'interno ma capace di un grande e panoramico Dehor, offre un  menu colorato, delicato, raffinato che rivede territorio e mediterraneo.                                                                  carbonara di mare              

ISHI, fusion in ticinese

Immagine
Non fatevi ingannare dalla voce "all you can eat" pensando sia il "solito" ristorante etnico poca spesa-poca qualità, perchè invece, questo, è sì uno dei tanti punti di ristoro asiatici di Milano (corso di porta ticinese) ma coniuga diverse qualità interessanti a partire proprio dalla formula (serale o week end) citata prima, che non penalizza qualità delle preparazioni ed estetica.                                                                           ravioli black gyoza Ambientino piccolo e curato con sushi-men e ravioleria in vista, gentilezza e cordialità orientale...molta clientela asiatica... I ravioli black (vedi foto) al nero di seppia o calamaro ripieni di gambero sono delicatissimi e gradevoli. I tiger roll alla fiamma (con ripieno di gamberi in tempura) coperti di scaglie di mandorla sono ricchi e gustosi. I nigiri classici giapponesi sono composti con cura, pesce fresco e della dimensione giusta per essere assaggiati come la scuola de

STELVIO, "sotto quel cielo di Lombardia"

Immagine
Ben posizionato nel ristrutturato e ora bel quartiere Isola di Milano, a pochi passi dal Bosco Verticale, nasce questo Ristorante contemporaneo che propone (in prevalenza) rivisitazioni moderne della cucina lombarda, sposando una ricerca di materie prime selezionate regionali. Per iniziare gli Sciatt (palline di grano saraceno ripiene di casera DOP) nel cono di carta con una bollicina..e fra risotti che fanno largo uso di zafferano, midollo, osso buco e salsicce nostrane, diverse paste fatte a mano come i casoncelli bergamaschi o i tortelli alla mantovana. Ai secondi ottimo galletto del giorno marinato e una cotoletta "orecchia d'elefante" che basta da se, con un tocco chic di zest di limone..altre e gustose  proposte si aggiungono alla carta.                                                                    TIRAMISU' ESPRESSO Carta dei vini lombardo-veneta in prevalenza,  con chicche della premiata Valtellina docg In fundo, a ricordare l'estratto Man